Benvenuti nella sezione dello Shoujo Manga Outline dedicata allo sunjeong manhwa Doll Song di Lee Sun-Young.
A cura di Giorgia-bi (review) e Sayoko (grafica e html). Vi ricordiamo che prima di riprodurre immagini, testi o html presenti in questo sito e' necessario chiedere il permesso. E' inoltre vietato linkare direttamente le immagini su forum o altro.

 Info
Cover Originale Cover Italiana 
Titolo originale: In Hyung Ga 인형歌 
Titoli internazionali: Doll Requiem, Song of the Doll
Autrice: Lee Sun-Young 이선영

:: Il manhwa in Corea del Sud::
Numero di volumi: 5 -concluso
Casa editrice: Haksan
Rivista di serializzazione: Party
Anno di inizio pubblicazione: 2010

:: Il manhwa in Italia ::
Titolo: Doll Song

Casa editrice: Panini Comics
Distribuzione: fumetteria
Prezzo: 5,90 euro
Formato: 13x18, B., 208 pp., b/n, con sovraccoperta
Pubblicato a partire da: Novembre 2011.

 Storia
Un’antica leggenda narra dello spirito di un pruno che cre˛ da un proprio ramo una bambola dalla bellezza sovrumana. I due vissero assieme completandosi l’un l’altro, finchÚ in una notte di novilunio lo spirito cadde in un sonno profondo e la bambola venne rapita da un passante.
Questo antico racconto sembra collegarsi in qualche modo alla vicenda della bellissima e aristocratica damigella Lee Woohee, che viene ritrovata sotto un antico pruno dopo essere scomparsa nel nulla per diverso tempo. Woohee non ricorda quasi nulla di ci˛ che avvenne in quel periodo, ma conserva l’immagine trasognata di uno sconosciuto dai capelli bianchi che le promette di incontrarla di nuovo quando sarÓ ‘rinata’. In seguito al suo ritrovamento Wohee viene tenuta sotto stretta sorveglianza dal padre che, preoccupato per la sua incolumitÓ, le consente di uscire soltanto nel giorno di novilunio accompagnata dalla fedele serva So-Hee.
Un anno dopo il ritrovamento la damigella sta godendo della propria giornata di libertÓ quando si imbatte in una curiosa coppia di vagabondi, composta da un gatto mutaforma e dalla giovane sensitiva Nah-ri, che le raccomanda di stare alla larga da uno sconosciuto vestito di nero.
Poco dopo Woohee e So-Hee si separano per qualche istante, ed entrambe vengono avvicinate da un uomo abbigliato con indumenti scuri: la serva sparisce nel nulla, mentre la damigella viene avvisata dall'uomo che i suoi giorni come essere umano stanno per finire.
Nonostante sia preoccupata per la sinistra profezia, Woohee si getta alla ricerca della propria fidata dama di compagnia con l’aiuto di Nah-ri e del suo compagno, scoprendo poco a poco degli scioccanti segreti sulla propria identitÓ e sul proprio destino.
 
 Considerazioni

Il primo impatto con Doll song ricalca le sensazioni che il lettore pu˛ provare nello sfogliare la maggior parte dei titoli coreani proposti fino ad ora in Italia, dalla meraviglia per l’aspetto grafico oltremodo dettagliato e sontuoso alla sensazione di leggero smarrimento data da pagine e pagine dedicate alla stesura di un aneddoto o di un pensiero frammentato.
Lee Sun-Young si inserisce nel ricco filone dei fumetti ispirati a rivisitazioni del folklore locale e di archetipi universali, creando una storia nostalgica e rarefatta in cui ricorrono temi cari alla produzione manhwa: il ricordo di esistenze precedenti, la predestinazione, l’interrogativo sulla natura del sentimento e dell’umanitÓ. La ’leggenda della bambola’ con cui si apre il primo albo contiene peraltro dei richiami alla Genesi Biblica, con il ramo di pruno che svolge la stessa funzione della costola adamitica e l’equilibrio di un micro-Eden infranto dalla bambola che si allontana.
Una volta poste delle basi piuttosto impegnative alla propria opera, l’autrice sceglie tuttavia di tenersi in bilico tra dramma e leggerezza, tra epos e modernitÓ, tenendo di fatto il piede in due scarpe e privando la serie di un’identitÓ chiara e definita. ╚ piuttosto straniante passare in poche facciate dalla drammaticitÓ dell’annuncio a Woohee della propria morte imminente allo… spettacolo di Nah-ri che evira uno spirito per un commento infelice sulla sua taglia di reggiseno.
Questa commistione di toni - e di conseguenza di stili grafici - caratterizza diversi capitoli della serie, evitando di fatto all’opera di assumere un andamento eccessivamente onirico e impalpabile come accadde a La sposa di Habaek, ma rendendo difficile identificare un pubblico di riferimento che possa apprezzare questo titolo nella sua interezza.

 

 Gallery
       

             
This page is part of Shoujo Manga Outline |  Online since 8/08/2011, last up 29/01/2012 |  Disclaimers |  FAQ