IL RAGAZZO DELLA PORTA ACCANTO

Lawrence e Adrian (cover del tankoubon)Titolo giapponese: Shounen zanzou
Trad.: Immagine postuma di ragazzo
Titolo internazionale: Boy's next door
Titolo italiano: Il ragazzo della porta accanto
Autrice: Kaori Yuki

Il manga in Giappone
Numero di tankoubon: 1, concluso
Anno di pubblicazione: 1998
Casa editrice: Hakusensha
Collana: Hana to yume Comics

Il manga in Italia
Numero di volumi: 1
Data di pubblicazione: Giugno 2005
Casa editrice: Planet Manga
Collana: Kaori Yuki presenta
Distribuzione: fumetteria
Prezzo: 5 euro

Il ragazzo della porta accanto e' uno shounen ai dalle tinte fosche, carico di drammaticita' e crudezza. L'atmosfera e' simile a quella che caratterizza "Angel Sanctuary", l'opera piu' famosa di Kaori Yuki.
Qui, pero', non troviamo angeli, demoni e combattimenti soprannaturali: il centro della storia e' un amore puro consumato dal dolore e dalla sofferenza.
Il volume, oltre a "Il ragazzo della porta accanto", contiene altre due storie brevi: Devil Inside e When a Heart Beats realizzate agli inizi della carriera di Kaori Yuki, nel 1987.

TRAMA

Nota: il testo che segue e' la traduzione del riassunto in inglese scritto da Ayako Honda per Aestheticism

Lawrence e AdrianLe vicende sono ambientate negli Stati Uniti e, come suggerisce il titolo originale, sono presentate a posteriori. Un caso raccappricciante trattato in tribunale sta scioccando le masse: Adrian Clay, apparentemente un innocuo insegnante delle scuole elementari, si e' rivelato essere un ricercato serial killer. Le sue vittime erano dei giovani ragazzi che si prostituivano. L'ultimo, un quattordicenne di nome Lawrence, e' stato trovato morto tra le sue braccia, nonostante l'uomo continuasse a ripetere che stava ''solo dormendo''.

Diversi mesi prima...
Lawrence e' il casuale testimone dell'omicidio di un ragazzo che, come lui, si prostituisce. Il giovane non riesce a vedere il volto del serial killer (Adrian) che fugge dal corpo mutilato, ma trova un collare che porta il nome del suo animale (un'iguana).
Il giorno seguente Lawrence si reca nella scuola di Adrian, fingendo di essere il fratello minore, per ricattarlo con la minaccia di esporre la prova dell'omicidio. Lawrence chiede all'uomo di aiutarlo a sottrarsi dal giro di prostituzione: in cambio gli restituira' il collare. Adrian rifiuta considerandola una proposta ridicola e, terrificato all'idea di essere scoperto, prende in considerazione l'idea di uccidere Lawrence.

Il giorno dopo si incontrano ancora. Adrian sta cercando di difendere uno dei propri studenti scoperto mentre stava rubando in un negozio, ma non ha soldi per ripagare il negoziante dell'oggetto rubato, avendo dato i propri risparmi a Lawrence.
E' in questo momento che Lawrence ritorna e gli restituisce il denaro. Il giovane incomincia a confidarsi con Adrian, dicendo che gli ricorda il fratello maggiore perso da lungo tempo.
Colpito dalla sua sincerita', Adrian porta Lawrence a casa sua, dove fanno l'amore. Ma presto la confusione e la frustrazione assalgono Adrian che non sa cosa fare con il ragazzo: immerso nelle sue riflessioni dice che Lawrence dovrebbe essere ucciso. Con sua sorpresa, Lawrence approva l'idea e dice che dopo averlo ucciso, Adrian dovra' mangiare il suo corpo così che Lawrence possa divenire parte di lui...

Lawrence e l'iguanaAdrian gli racconta la storia della propria vita: i suoi istinti omicidi sono il risultato di un'infanzia difficile. Per tutta la vita e' stato trascurato dalla madre, che per si prostituiva per mantenersi. Una volta e' stato abbandonato in un luna park lontano da casa. Diversi giorni dopo, quando il piccolo Adrian ritrova la via di ritorno, si sente maledire dalla madre che stava intrattenendo un cliente.
Quando piu' tardi il cliente diventa violento e minaccia di accoltellare la donna, quest'ultima, vedendo Adrian alla porta, lo supplica con finta dolcezza di aiutarla, promettendogli un'altra gita al luna park.
Atterrito dalla sua ipocrisia, Adrian da' egli stesso la coltellata fatale e, per evitare lo sguardo accusatorio, infierisce sugli occhi della madre ormai morta. E' così che inizia a provare un incredibile odio per le prostitute, i cui occhi sembrano vedere le profondita' della sua anima.
Una volta cresciuto, diviene insegnante nella speranza di poter evitare ad altri bambini di soffrire nel modo in cui aveva sofferto. Ma, incapace di cancellare il suo odio per le persone che si prostituiscono, comincia a vedere come una missione il fatto di ''sterminare quegli esseri inutili''.

Dopo aver ascoltato la sua storia, Lawrence prova commozione invece di sentirsi disgustato o spaventato. Con un abbraccio gentile gli chiede di perdonarlo e di non uccidere piu'.
Tenendo il collare come una scusa per rimanere vicino ad Adrian, Lawrence va da lui ogni giorno e diventano amanti.

Nel frattempo Dallas, il boss del giro di prostituzione in cui Lawrence e' coinvolto, e' furioso per la perdita di così tanti prostituti uccisi dal serial killer. Dopo aver scoperto che Lawrence sta trascurando il lavoro per stare con Adrian, fa in modo di incontrare il ragazzo.
Nell'incontro viene rivelato che Dallas e' il fratello di Lawrence. Quest'ultimo rifiuta di consegnare il collare e di aiutare Dallas, ma alla fine viene picchiato, drogato e costretto a sottomettersi ai suoi ordini.

Due settimane dopo la scomparsa di Lawrence, Adrian, che l'ha aspettato ansiosamente, puo' finalmente rivederlo. Ma la sua gioia e' breve poiche' Lawrence, con uno sguardo spento, gli dice che nonostante lo amera' per sempre e piu' di chiunque al mondo, andra' a stare con suo fratello ritornato dall'America. Tira fuori una rivoltella e la punta su Adrian...

CLICCA QUI SE VUOI LEGGERE IL FINALE!

CONSIDERAZIONI
La scena finaleIl ragazzo della porta accanto e' giustamente considerato una delle opere migliori di Kaori Yuki.
I sentimenti di dolcezza e perversione, amore e violenza, disperazione e speranza - il cui contrasto percorre l'intera storia - sono resi in modo efficace e credibile.
Lo stile, freddo e cinematografico, viene esaltato dalla grafica, dalle vaste zone di bianco contrapposte al nero. I disegni, sebbene non siano esenti da difetti, rivelano ancora una volta l'originalita' e il valore di questa autrice.
In definitiva, il manga e' sconsigliato a chi non apprezza le storie fortemente drammatiche, o a chi detesta gli shounen ai. Ma per tutti gli altri, anche per chi ha trovato "Angel Sanctuary" troppo convoluto, "Il ragazzo della porta accanto" puo' rivelarsi una lettura davvero indimenticabile.





BackScrivimi!

This page is online since 16-12-01
This is a no profit web site. All the images in this site are used to review and to promote shoujo manga in Italy. All the images are © of their respective artists and publishers, or other owners. Each review is copyright © of respective author. The comments reflect the personal opinions of the reviewers. Don't reproduce any of the texts, images and graphics that appear on this site without my permission.